When autocomplete results are available use up and down arrows to review and enter to select. Touch device users, explore by touch or with swipe gestures.

Inclusion & diversity

Cosa vuol dire essere diverse? Insieme cerchiamo di andare oltre le differenze estetiche, genetiche e non solo. Attraverso riflessioni e racconti di vita vera…
More
·
45 Pins
 11w
Collection by
Tra le forme di violenza di genere esiste anche la violenza economica, una delle più subdole. Scopriamo cos'è e come prevenirla. Genere, Inclusion, Diversity, Cos, Hobby, Shape
Violenza economica: cos'è e come prevenirla
Tra le forme di violenza di genere esiste anche la violenza economica, una delle più subdole. Scopriamo cos'è e come prevenirla.
Cos'è la diet culture e perché può farci male? Ce ne parla @evastaizitta. Diet Culture, Culture, Diet
Evastaizitta: la cultura della dieta
Cos'è la diet culture e perché può farci male? Ce ne parla @evastaizitta.
Beatrice e Giulia sono le autrici "influencer" di Peso Positivo, progetto nato per informare sui disturbi del comportamento alimentare. Instagram
Peso Positivo, il profilo Instagram che parla, correttamente, di disturbi alimentari
Beatrice e Giulia sono le autrici "influencer" di Peso Positivo, progetto nato per informare sui disturbi del comportamento alimentare.
Chi sono le Aspiegirls e perché l’Asperger nelle ragazze è ancora così poco (e male) diagnosticato? Insieme alla psicologa e psicoterapeuta Sara Travaglione scopriamo i percorsi a oggi disponibili per fornire alle giovani donne con sindrome di Asperger strumenti di consapevolezza ed empowerment. Psicologia
Ragazze Asperger ed empowerment femminile
Chi sono le Aspiegirls e perché l’Asperger nelle ragazze è ancora così poco (e male) diagnosticato? Insieme alla psicologa e psicoterapeuta Sara Travaglione scopriamo i percorsi a oggi disponibili per fornire alle giovani donne con sindrome di Asperger strumenti di consapevolezza ed empowerment.
Essere donna: la scelta di non essere madre
Donne buone o cattive? Culture diet
La grammatica italiana impone di utilizzare il plurale maschile di qualsiasi nome anche per indicare un insieme in cui ci siano generi diversi. Questa costrizione grammaticale non va più bene perché poco inclusiva e maschilista. Se in un primo momento sembrava che l'asterisco (*) o il tre (3) o la chiocciola (@) al posto dell'ultima vocale avesse risolto il problema del binarismo di genere, recentemente è stata introdotto lo schwa: ecco perché usarlo renderà la tua comunicazione più inclusiva. Schwa, Signs, 3, Shop Signs, Sign
Cos'è lo schwa e perché usarlo potrebbe renderti più inclusivo
La grammatica italiana impone di utilizzare il plurale maschile di qualsiasi nome anche per indicare un insieme in cui ci siano generi diversi. Questa costrizione grammaticale non va più bene perché poco inclusiva e maschilista. Se in un primo momento sembrava che l'asterisco (*) o il tre (3) o la chiocciola (@) al posto dell'ultima vocale avesse risolto il problema del binarismo di genere, recentemente è stata introdotto lo schwa: ecco perché usarlo renderà la tua comunicazione più inclusiva.
Specialista nel superare i muri avversari, fa lo stesso con i pregiudizi. Italiana con la pelle scura e omosessuale. Chi se ne frega, verrebbe da dire, del colore della pelle di Paola Egonu e di chi va a letto con lei. E invece conta parecchio nel caso della pallavolista più forte del mondo scelta come portabandiera olimpica a Tokyo, perché Egonu non è solo il simbolo del nostro volley, ma anche il volto della nuova Italia, di una generazione pronta a sfidare convenzioni e bigottismo. #inclusion Volley, Tokyo, Sumo Wrestling, Lovers, Anime, Strong, Italia
Paola, professione schiacciatrice
Specialista nel superare i muri avversari, fa lo stesso con i pregiudizi. Italiana con la pelle scura e omosessuale. Chi se ne frega, verrebbe da dire, del colore della pelle di Paola Egonu e di chi va a letto con lei. E invece conta parecchio nel caso della pallavolista più forte del mondo scelta come portabandiera olimpica a Tokyo, perché Egonu non è solo il simbolo del nostro volley, ma anche il volto della nuova Italia, di una generazione pronta a sfidare convenzioni e bigottismo. #inclusion
Attorno alle persone con disabilità, nella nostra società, ci sono ancora, purtroppo, pregiudizi e informazioni errate. Ci si ritrova, quindi, a fare gaffe o a rivolgersi a loro, anche inconsciamente, con termini pieni di ignoranza e discriminazione. Soprattutto se la persona non la si conosce da tempo, ci sono delle frasi che non vanno mai pronunciate. Guarda il video su deabyday per saperne di più. #inclusion #diversity #positività Film Posters, Films, Salute, Persona, Tfa, Video, Movies
3 cose da non dire a una persona con disabilità
Attorno alle persone con disabilità, nella nostra società, ci sono ancora, purtroppo, pregiudizi e informazioni errate. Ci si ritrova, quindi, a fare gaffe o a rivolgersi a loro, anche inconsciamente, con termini pieni di ignoranza e discriminazione. Soprattutto se la persona non la si conosce da tempo, ci sono delle frasi che non vanno mai pronunciate. Guarda il video su deabyday per saperne di più. #inclusion #diversity #positività
L’assurda vicenda di Aurora Leone, "esclusa" dalla Partita del cuore in quanto donna, è solo l’ultimo episodio di una lunga storia di misoginia, quella del calcio femminile, da Tavecchio a Collovati. E in nome della civiltà la Nazionale Cantanti avrebbe dovuto lasciare il campo. Potrebbe essere il frame di una pubblicità degli Anni ’70, invece è come in Italia nell’evoluto 2021 vengono percepiti ancora i ruoli di genere: ci sono attività non adatte alle donne. Giocare a calcio è una di queste. Leone, Aurora, Style, Fashion, Swag, Moda
Donne e calcio: una lunga storia di misoginia
L’assurda vicenda di Aurora Leone, "esclusa" dalla Partita del cuore in quanto donna, è solo l’ultimo episodio di una lunga storia di misoginia, quella del calcio femminile, da Tavecchio a Collovati. E in nome della civiltà la Nazionale Cantanti avrebbe dovuto lasciare il campo. Potrebbe essere il frame di una pubblicità degli Anni ’70, invece è come in Italia nell’evoluto 2021 vengono percepiti ancora i ruoli di genere: ci sono attività non adatte alle donne. Giocare a calcio è una di queste.
Eleonora Petrella vive il look e lo stile come un fattore spirituale, che rispecchia appieno chi si è e la legittima volontà di scegliere come si vuole apparire, ma senza sottostare ai diktat di nessuno. «Non esistono regole rigide: dipende tutto da te e da cosa vuoi per te». L'influencer, autrice del libro Non ho niente da mettermi, ci spiega come non temere lo specchio e ritrovarci tra ciò che abbiamo nell'armadio, spogliandoci per sempre della paura. #inclusion #diversity Tablet Android, Ibs, Book Worth Reading, Memes, People, Movie Posters, Books, Smile, Libros
Eleonora Petrella: «Impariamo a giocare con il look e a non avere più paura»
Eleonora Petrella vive il look e lo stile come un fattore spirituale, che rispecchia appieno chi si è e la legittima volontà di scegliere come si vuole apparire, ma senza sottostare ai diktat di nessuno. «Non esistono regole rigide: dipende tutto da te e da cosa vuoi per te». L'influencer, autrice del libro Non ho niente da mettermi, ci spiega come non temere lo specchio e ritrovarci tra ciò che abbiamo nell'armadio, spogliandoci per sempre della paura. #inclusion #diversity
Body shaming, body positivity, fat shaming, fat acceptance: sono solo alcuni dei termini dagli Stati Uniti che hanno iniziato a far parte anche dei nostri discorsi a proposito del corpo. Sono concetti che corrispondono a una nuova sensibilità e a un nuovo modo di porsi verso forme di discriminazione che esistono da sempre e che da sempre limitano la vita di tantissime persone, in modo particolare le donne. Oggi analizziamo insieme il fat shaming, ovvero lo stigma nei confronti dei corpi grassi. Reduce Body Fat, Health Expert, Beauty, Beauty Illustration
Fat shaming: lo stigma dei corpi grassi
Body shaming, body positivity, fat shaming, fat acceptance: sono solo alcuni dei termini dagli Stati Uniti che hanno iniziato a far parte anche dei nostri discorsi a proposito del corpo. Sono concetti che corrispondono a una nuova sensibilità e a un nuovo modo di porsi verso forme di discriminazione che esistono da sempre e che da sempre limitano la vita di tantissime persone, in modo particolare le donne. Oggi analizziamo insieme il fat shaming, ovvero lo stigma nei confronti dei corpi grassi.
La magrezza non è quasi mai la prima cosa che viene in mente quando si tratta di body shaming, generalmente si parla di fat shaming. Ma il body shaming si manifesta secondo molteplici declinazioni. Quando essere troppo magri attira l’odio di haters e bulli: parliamo di Thin Shaming, una delle sfumature più subdole del body shaming, detto anche skinny shaming, una forma di odio, umiliazione o denigrazione dei corpi, in special modo femminili, accusati di essere troppo magri. #inclusion #diversity Body Shaming, Altra, Skinny
Thin Shaming, l'altra faccia del body shaming
La magrezza non è quasi mai la prima cosa che viene in mente quando si tratta di body shaming, generalmente si parla di fat shaming. Ma il body shaming si manifesta secondo molteplici declinazioni. Quando essere troppo magri attira l’odio di haters e bulli: parliamo di Thin Shaming, una delle sfumature più subdole del body shaming, detto anche skinny shaming, una forma di odio, umiliazione o denigrazione dei corpi, in special modo femminili, accusati di essere troppo magri. #inclusion #diversity
In occasione della Giornata Internazionale della Danza, a tu per tu con Simona Atzori, ballerina e pittrice nata senza braccia. Che invece di arrabbiarsi ha scelto di essere grata alla vita e aggredirla, imparando ad accogliersi. E realizzando sogni. Leggi l'intervista su deabyday.it #inclusion #diversity #disabilità #positività #benessere Ballerina, Ballet Flat, Film Poster, Cinema
Simona Atzori: «Non mi manca niente per essere felice»
In occasione della Giornata Internazionale della Danza, a tu per tu con Simona Atzori, ballerina e pittrice nata senza braccia. Che invece di arrabbiarsi ha scelto di essere grata alla vita e aggredirla, imparando ad accogliersi. E realizzando sogni. Leggi l'intervista su deabyday.it #inclusion #diversity #disabilità #positività #benessere